NonDiario Sanremese – Sorrentino o Garrone?

Interno giorno, sala degli sceneggiatori.

“Ok, il set ce l’abbiamo e mi sembra che ci trovi tutti d’accordo: festival musicale in cittadina sul mare. Divertente, nazionalpopolare, rassicurante, piace a nonne e bambini. Il problema è cosa metterci attorno. Fuori dal teatro, intendo. Idee, proposte?”

“Ci mettiamo attorno un sacco di gente strana, boss. Semplice ma d’effetto, ci lascia campo libero.”

“Togliamoci subito il pensiero, bravo Guidi. Aggiudicato. Gente strana tipo? Ognuno dica la sua e valutiamo.”

“Mmh… una vestita da antica romana?”

“Ti ascolto, Bernardini, ti ascolto. La traccia è quella giusta, ma dammi di più.”

“Una vestita da Cleopatra?”

“Bingo, fratello! Gli altri?”

“Una specie di santone. Con tonaca, crocifisso, capelli lunghi e sporchi, sguardo da pazzo. Uno di quelli che ti indica col dito e ti dice che sei destinato alla dannazione eterna se non smetti di ascoltare la trap.”

“Roba buona! Stiamo rifacendo Fellini, ragazzi!”

“Uno incatenato alle transenne?”

“Ok… e per cosa protesta?”

“Vuole farsi togliere una multa dalla municipale. No, banale. Vuole farsi togliere una multa dall’Agenzia delle Entrate. Facciamo critica sociale e ci accaparriamo commercianti e piccoli imprenditori.”

“Bene, sì. E poi tanta gente che sbrocca, naturalmente. Tutti pazzi per i cantanti, i presentatori, gli ospiti. Li guardano come fossero la Madonna in processione.”

“Un carrozzone, un circo!”

Una torcida delle meraviglie del trash: ai giornalisti la vendiamo così. I David di Donatello li raccogliamo col retino!”

“L’Italia al suo massimo. Cazzo, quanto amo questo Paese!”

“I genitori che portano a spasso i figli per farli conoscere ai discografici. Quelli che si fanno le foto con i manifesti del festival. I sosia dei vip.”

“Ma sei un king, Russo! Bene, signori, per adesso fermiamoci qua. Benchmark, riferimenti. Di Fellini abbiamo già detto, non possiamo farne a meno. Anche Pasolini ce lo riguardiamo… più recenti?”

“Beh, La grande bellezza e Reality mi sembrano più che in target.”

“Senza ombra di dubbio. Uno più visionario, l’altro la butta più sulla favola. E qui si pone la questione successiva. Pensiamo già a chi affidare la regia…”

“Boh, io resterei su questi due, intanto il budget non ci manca.”

“Ma infatti. Per una volta che i soldi ce li hanno dati, spendiamoli. E sia. Forza ragazzi, per alzata di mano. Sorrentino o Garrone?”

Sanremo Goes to the Movies: sarà certamente un colossal. Indiscrezioni sul titolo parlano di un ermetico Parà-papapa-parà. La critica lo amerà, i botteghini sono pronti a esplodere. Appena lo passano in chiaro lo guardiamo assieme, vi va?

Pace.

Matteo Faccio