NonDiario Sanremese – Elenco puntatA

  • La puntata di ieri è durata un sacco. Veramente tanto. Troppo. Michele Zarrillo arriva sul palco quando si svegliano i fruttivendoli. Nell’estasi o nel fango o nei kiwi in offerta speciale.
  • “Demoscopico” parola della settimana, direbbe Gramellini. Quindi noi diciamo del mese.
  • Giovani. Non ci dispiace Fasma e Marco Sentieri ci convince proprio. Ma poi è di Casal di Principe, birthplace dei boss di Gomorra, e ha sfondato a X-Factor Romania: un intreccio che manco Ammaniti sotto ketamina.
  • Big. Seconda tornata meglio della prima: Pelù e Tosca ne hanno viste tante e si mangiano il palco, con appena un giro d’olio locale a crudo.
  • I Pinguini Tattici Nucleari dopo Ringo Starr si sono fatti prendere la mano e ora sostengono che la loro Bergamo sia la Liverpool italiana. Fa già ridere così. In the town where I was born lived a man who costruì un sacco di case a Milano.
  • Capitolo a parte per la Principessa. Si contorce, ci mette l’anima (c’è chi parla di 21 grammi, la sua peserà almeno mezzo chilo), scandisce le parole che neanche all’Actors Studio. Che ci volete fare, è un’infatuazione di vecchia data. Avevo proprio gli occhi a cuoricino.
  • A Elettra Lamborghini e Levante (la Principessa, appunto) hanno scambiato i titoli, stile neonati nelle culle. Musica (E il resto scompare) e Tikibumbum, valutate voi.
  • Ospiti 1. Perdere l’amore non è la miglior variazione sul tema solo perché a De André è girato di scrivere Verranno a chiederti del nostro. E ogni volta è un pugno sul muso.
  • Ospiti 2. I Ricchi e Poveri si sono passati un tot di corna ma adesso sono tornati insieme. E Franco Gatti sembra il papà di Nadia, non fosse che il papà di Nadia è molto più ganzo.
  • Ospiti 3. Dopo l’esibizione di Paolo Palumbo ci sono stati 25” di silenzio, qui da noi. Ho cronometrato.
  • Marco Masini ieri sera non c’era ma sono due giorni che voglio dire che mi sembra un muezzin e ancora non c’ero riuscito.
  • Nole Djokovic è uno dei miei sportivi di riferimento: l’ho riconosciuto alla prima mezza inquadratura sulle prime file e per farci due scambi venderei la felpa di Campuswave. Non so se.
  • Nole Djokovic fa ben più ridere di Fiorello. Andate a vedervi le sue imitazioni dei colleghi su YouTube.
  • Foto con fiorellini gialli per staccare un attimo.
  • Esordio stagionale di Campuswave a Casa Sanremo. Paghiamo i cocktail col QR Code e questa smaterializzazione del danaro non facilita eventuali regimi disintossicanti. Tantomeno regimi di spending review. Tipo fare la spesa col bancomat (io evito i contanti solo perché ho paura di essere foderato di centesimi di rame) e bippare il telepass al casello.
  • Stasera monologo di Benigni. L’affermazione si spiega da sé. Chi si dovesse lamentare del cachet subirà una sessione di cura Ludovico con tutta la controprogrammazone di Mediaset.
  • Amadeus non incappa in goffaggini. Niente scivola-scivola-scivola-scivoloni. Resisterà?
  • Giada, esponente delle nuove leve, a mezzanotte e 50 si è messa a registrare la puntata di un podcast. Nell’altra stanza tutti sbabbiavano per Tiziano Ferro e a fianco a lei c’era uno che russava. Uno dei nostri eh, non un passante sfiancato.
  • A proposito dei regaz di Campuswave. Nonostante sia il terzo giorno sbaglio ancora i nomi, ma non mollo e mi prendo delle confidenze. “Ciao Yle!”, “Io sono Letizia, Ylenia è andata via ieri”. Ciao, grazie.
  • Ho parecchio lavoro da fare. Durante un paio di call con delle agenzie di comunicazione stavo per chiedere un parere sui testi di Junior Cally.
  • Facevamo redazione su Leo Gassmann e per poco non ci picchiavamo. Motivo della faida, quante enne ci siano in coda al cognome. Io, ad esempio, ero dalla parte della doppia. Non ci credete? Ok, andiamo a controllare: sull’Internet si trovano entrambi i risultati. Ok, proviamo con i celebri avi: Vittorio Gassmann nasce nn ma ne leva una all’anagrafe; Alessandro Gassman fa il percorso inverso e torna Gassmann. Il figlio se ne sta. Vinciamo noi sostenitori della doppia, ma è una botta di culo.

Ecco, mi sembra una parola azzeccata con cui chiudere. Non fosse che un’altra ancora non la posso evitare.

Pace.

Matteo Faccio