Rassegna Stanca #4

Rassegna Stanca è il commento assonnato della mattina dopo: dove per mattina, naturalmente, si intenda un intervallo di tempo che non per forza si esaurisca col sole allo zenit. Rassegna Stanca è editoriale, cronaca, contrappunto, esperimento. Giacché la penna, l’autore o l’autrice, cambia di giorno in giorno, di articolo in articolo. Davide Rissotto chiude le danze, con la sua About last night.

La Rassegna di quest’oggi è Stanca, stanchissima, praticamente in pigiama.

La settantesima edizione del Festival ci costringe a un tour de force serratissimo: nonostante le polemiche ricorrenti, da quest’anno infatti si sfonda quotidianamente il muro delle due di notte.

Fortuna che la nostra kermesse preferita sa sempre regalarci grandissimi momenti di televisione, perle di spettacolo destinate a segnare per sempre l’immaginario comune del nostro Paese. No, non mi riferisco alla consacrazione di Leo Gassman come vincitore della sezione Nuove Proposte, né alle magistrali performance di Achille Lauro, per una volta passate in secondo piano. Punto il faro su Morgan, mi sembra chiaro.

In seguito alla sua rivisitazione futuristica di Sincero, il suo (ex) compagno di merende decide di abbandonare il palco, provocando l’uscita di scena dalla gare dei due. Insomma, Musica e Bugo scompare.

E pensare che solo qualche ora prima sembrava essersi placato l’altro grande “scontro” che aveva incendiato il Festival nelle serate precedenti: quello tra Fiorello e Tiziano Ferro. I due, che in più occasioni avevano battibeccato a suon di hashtag e interviste piccate, si sono ritrovati sul palco per duettare sulle note di Finalmente tu, concludendo la loro esibizione con un simbolico bacio sulle labbra che, forse, pone la parole fine alle loro incomprensioni.

Il bacio tra Honecker e Breznev nel celebre murale sul Muro di Berlino

Gioia, amore e sentimentalismo si sono imposti prepotentemente come temi ricorrenti in gran parte dei 24 brani in gara, ieri sera affidati al solo giudizio della sala stampa. La classifica finale (che non si capisce bene in che modo vada ad intaccare le classifiche precedenti, stilate nel corso della settimana) ha visto il trionfo Diodato, tallonato da Francesco Gabbani (che a questo punto si candida ad essere il favorito numero 1 per la vittoria finale) e dai Pinguini Tattici Nucleari.

Mai come in questa edizione, il risultato finale sembra incerto: la sensazione da Casa Sanremo è di totale equilibrio tra 4 o 5 artisti, apprezzati trasversalmente da buona parte del pubblico.

Siete impazienti di sapere come andrà a finire? Cenate leggeri, riposatevi nel pomeriggio e preparate i thermos, because I think it’s gonna be a long long night!

Davide Rissotto