#Sanremo2016 il Festival visto dalla sala stampa: il quinto ed ultimo giorno

E allora avanti popolo…”  direbbe il buon Francesco Gabbani, vincitore del Festival 2016 tra le nuove proposte.  Un popolo di 10 milioni 164 mila spettatori che ha assistito alla serata del venerdì, quella che ha sancito il successo di Amen: un pezzo costruito magistralmente, una macchina da guerra che a Sanremo ha convinto (nonostante il pasticciaccio del televoto).

Grazie, grazie, grazie, per la vostra onestà. La mia vittoria dipende dalla vostra determinazione nel voler risolvere quel brutto inghippo della votazione”  così Gabbani ha ringraziato i giornalisti dell’Ariston Roof, gli stessi che lo hanno premiato con il premio della critica Mia Martini. “Essere qui è un sogno. Sono lusingato per il Premio della critica, Amen è una canzone che credo lo meriti” ha poi concluso il ragazzo originario di Carrara.

La Nuova Proposta più amata della sala stampa Lucio Dalla, quella in cui siamo presenti anche noi, è Chiara Dello Iacovo. A lei il premio della critica sancito dai giornalisti delle radio e del web, oltre ad un secondo posto incassato con grandissima signorilità: “Francesco se lo è meritato. Ha fatto più gavetta di me e credo che sappia dare il giusto valore a questa vittoria. Comunque io lo avevo detto subito che avrebbe vinto Amen”. Chapeau Chiara, una bellissima sorpresa di questo Sanremo. La più bella aggiungiamo noi di Campuswave Radio, estasiati dal suo talento e dalla sua personalità.

Al Palafiori è stata l’ultima giornata di conferenze stampa, presenti pochi personaggi. Saltano le apparizioni di Beppe Fiorello, ospite di questa sera, ma soprattutto marca visita Neffa : il cantautore per motivi di salute ha annullato l’appuntamento con le domande provenienti dalla mondo radiofonico e della rete. Peccato.

A dare un senso al sabato della sala dedicata a Lucio Dalla, due conferenze: Guglielmo Scilla e gli Zero Assoluto.

Guglielmo Scilla, youtuber approdato in tv, che ha presentato la fiction Rai Baciato dal Sole: “La fiction tratta la storia di un ragazzo che si trova catapultato nel mondo della televisione. Sono rimasto sconvolto quando ho capito che la Rai aveva intenzione di fare un storia di questo tipo. Il perché del mio successo sul web? Onestamente non ne ho idea. Apprezzo la rete perché è un luogo dove puoi mostrare chi sei”.

Dopodiché è arrivato il momento degli Zero Assoluto. Il duo, alla vigilia della serata finale, è nella zona rossa della classifica: “Si, siamo a rischio eliminazione e non ci stupiamo di questo.  Siamo venuti qui per cercare di fare del nostro meglio; quando abbiamo saputo che eravamo stati scelti da Carlo Conti, ci siamo chiusi in un lavoro di 2 mesi e pensiamo di aver creato il nostro disco più completo”. Il duo in gara con Di me e di te ha poi rievocato i tempi in cui era protagonista in radio: “Quando facevamo radio funzionava solo una cosa: l’improvvisazione. Prima di andare in onda, non abbiamo mai preparato nulla. Portiamo noi stessi e diamo priorità al contatto con il pubblico. Il bello della radio? Tiene compagnia e fa ascoltare la musica”.

Termina così, in attesa di scoprire chi trionferà, il racconto del Festival di Sanremo 2016 vissuto dalla sala stampa. Una grande avventura,  vissuta sognando di trasformare in lavoro, una passione travolgente. Grazie per averci seguito e buona finale del Festival a tutti voi.

Roberto Vassallo