Le sei curiosità che oggi devi sapere assolutamente

Anche oggi sono andata alla ricerca delle sei curiosità più interessanti del giorno, solo ed esclusivamente per voi amici di Campuswave Radio. Lo so, lo so: sono una vera amica. Ma che ci volete fare, sono fatta così: sempre alla ricerca dei modi più efficaci per sollevarvi il morale.

 

 

 

In Finlandia Paperino non è conosciuto. Vi starete chiedendo perché: il simpatico paperotto amico dei bambini è stato bannato dal paese perché sprovvisto sia di mutande che di pantaloni! Birichino…

 

 

 

La cenosillicafobia è la paura che il proprio bicchiere di birra sia vuoto. Conosco tante persone affette da questa patologia incurabile e scommetto anche voi.

 

 

 

Sapevate che il nostro cuore batte più di 100mila volte al giorno? A meno che tu non abbia un esame imminente, allora puoi anche raddoppiare, triplicare, quadruplicare…

 

 

 

Le unghie delle mani crescono 4 volte di più rispetto a quelle dei piedi. Ma ancora non si spiega perché quando ti metti lo smalto sul ditone, te lo ritrovi ancora lì sei mesi dopo.

 

 

 

Le donne sbattono le palpebre il doppio delle volte rispetto agli uomini. È tutta colpa del mascara, lo sanno tutti.

 

 

 

Il chewing-gum più antico della storia risale a ben 9000 anni fa. Un mappazzone insomma.

 

 

 

Soddisfatti? No, nessun rimborso!

Hasta la vista.

 

(Fonte: Curiosone)

 

Giovanna Vittoria Ghiglione

Le sei curiosità che oggi devi sapere assolutamente

Pensavate di esservi liberati di me? E invece no: eccomi tornata per il consueto appuntamento con le sei curiosità del giorno, i sei fatti provenienti dal mondo che non potete ignorare per vivere felici. Quindi bando alle ciance e ciancio alle bande: si comincia!

 

 

  • Più di 600 milioni di donne vivono in nazioni dove la violenza domestica non è un reato. Questa più che una curiosità è una vergogna.

 

 

  • A Londra ci sono più ristoranti indiani che a Mumbai e Nuova Delhi.

 

 

  • Nel Medioevo il pepe era così pregiato che molto spesso veniva usato per pagare le tasse. Oggi sarei ricchissima.

 

 

  • Le rane quando inghiottiscono qualcosa lo fanno tenendo gli occhi chiusi.

 

 

  • La nostra lingua possiede circa 9.000 papille gustative.

 

 

  • L’Africa è il continente che possiede al suo interno più nazioni al mondo.

 

 

 

Giovanna Vittoria Ghiglione

Le sei curiosità che oggi devi sapere assolutamente

Pensavi di poter sopravvivere anche oggi solo con l’ausilio della caffeina? Risposta sbagliata. Eccoti la tua dose di curiosità per poter andare a letto tranquillo.

 

 

 

  • Uno studio ha dimostrato che fare un pisolino dopo aver studiato aiuta la memoria a memorizzare ciò che si è appena letto. Basta che la cosa non vi sfugga di mano e non vi svegliate alle 15 del giorno dopo chiedendovi in che anno siete.

 

 

  • Un altro (attendibilissimo) studio ha dimostrato che il milkshake alla banana rappresenta la cura perfetta per i postumi della sbornia. E via andare.

 

 

  • In realtà la pelliccia dell’orso non è bianca ma… trasparente! Infatti quando ti si avvicina per mangiarti non lo vedi. E poi scompari anche tu. Dai, scherzo: inizia a fare freddo anche a Savona ma non così!

 

 

  • L’occhio umano compie in media 50 movimenti al secondo. Ecco perché siamo tutti degli stalker.

 

 

  • In Cina è nato il primo servizio fidanzate virtuali per single: solo 5 dollari al giorno. Come dici? Questa la sapevi già? Ah…

 

 

  • Il sentiero più lungo del mondo sarà aperto nel 2017 in Canada e sarà lungo ben 24.000 chilometri. L’ho già messo in conto per dopo Santo Stefano.

 

 

Alla prossima!

 

(Fonte: Curiosone.tv)

 

Giovanna Vittoria Ghiglione

Le sei curiosità che oggi devi sapere assolutamente

Anche oggi torna l’appuntamento con le sei curiosità del giorno: dillo, non vedevi l’ora. Ebbene, anche questa volta le tue 24 ore potranno cambiare (in meglio) grazie alla sola lettura di questo articolo. Attenzione, la redazione non si assume la responsabilità di eventuali effetti collaterali, come eccessiva sudorazione, ridarella contagiosa e pazzia.

 

Circa il 3% di tutto il ghiaccio dell’Antartide è costituito dall’urina dei pinguini congelata. D’altronde, non importa se sei carinissimo e cicciosissimo. Quando scappa…scappa.

pinguino

 

 

Il numero totale degli scalini presenti sulla Tour Eiffel è di 1665. Dicevi di aver voglia di iscriverti a step: hai voluto gli scalini? Adesso scali. (scali?)

eiffel-tower-84724

 

 

Il 18 febbraio 1879 ha nevicato nel Deserto del Sahara per 30 minuti. Chissà che fraldo. Che creddo. Vabbè, sono un po’ confusa adesso.

sahara

 

 

Le lumache hanno 4 nasi. Ma ancora non riesco a capire l’utilità della bava lasciata per strada. Siete strane.

lumaca

 

 

Uno studio ha dimostrato che non è possibile sognare e russare allo stesso tempo. Adesso potrai finalmente giustificarti con un “eh no, stanotte ho sognato alla grande!”

download

 

 

Cari innamorati, siete dei tossici. E a dirlo non sono io ma uno studio che ha dimostrato che l’amore è chimicamente simile alla tossicodipendenza.

innamorati-vacanze-lago-como

 

 

Fonte: Curiosone.tv

 

 

Alla prossima!

Giovanna Vittoria Ghiglione

Le 10 cose che non sai sul tuo cervello (da Wired)

Tutti ne abbiamo uno ma qualcuno non lo usa: sto parlando del cervello. Oggi le 10 curiosità che affronterò riguardano proprio questo organo misterioso che può cose incredibili.

 

È possibile impiantarvi falsi ricordi. Recentemente sono state pubblicate su Nature Neuroscience le conclusioni dell’esperimento più complesso mai condotto in materia di costruzione e impianto di memorie artificiali. Gli scienziati del Consiglio nazionale delle Ricerche francesi, sono riusciti a trasferire nel cervello di cinque topi da laboratorio, durante il sonno, un falso ricordo relativo al posto in cui era nascosto del cibo. Al risveglio, gli animali si sono diretti autonomamente verso il luogo indicato dalla memoria artificiale. Per adesso, comunque, è ancora impossibile prevedere se anche la memoria umana possa essere manipolata allo stesso modo.

 

È plastico. La dimostrazione più affascinante viene da uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology. Eleanor Maiguire e Katherine Woollett, del centro di neuroimaging alla University College London, hanno analizzato il cervello di 79 tassisti londinesi che avevano appena iniziato la propria carriera. All’inizio dell’osservazione, i cervelli dei partecipanti non mostravano differenze significative in termini di struttura e memoria; ma dopo qualche anno di esperienza, gli scienziati hanno notato che mandare a memoria lo stradario della capitale britannica –The Knowledge, come lo chiamano gli inglesi – aveva provocato cambi strutturali nell’encefalo dei tassisti, tra cui il miglioramento delle capacità mnemoniche e la crescita di un volume più grande di cellule nervose nell’ippocampo.

 

Cosa ci ero venuto a fare? Vi è mai capitato di entrare in una stanza e dimenticare del tutto il motivo per cui siete lì? La scienza ha spiegato perché succede: in uno studio, i ricercatori del dipartimento di psicologia alla University of Notre Dame hanno scoperto che il cervello crea nuovi capitoli di memoria ogni volta che si lascia una stanza e si entra in un’altra, rendendo più difficile recuperare le informazioni dal capitolo precedente. Ancora più interessante: un altro studio, condotto su 51 studenti, ha mostrato che è sufficiente immaginare di varcare una porta per cancellare temporaneamente le memorie a breve termine.

 

Tutto grasso. La maggior parte del cervello (il 60%, per la precisione) è, semplicemente, fatta di grasso. Che è fondamentale per il funzionamento dell’organo: le molecole di acidi grassi essenziali che compongono le membrane dei neuroni sono infatti cruciali per il mantenimento dell’integrità cerebrale. Si tratta, in particolare, di molecole che non possono essere sintetizzate autonomamente dal corpo e vengono ricavate dagli alimenti che mangiamo: diversi studi clinici hanno infatti evidenziato una correlazione tra squilibri nella dieta e disturbi cognitivi e di memoria.

 

Non lo riempirete mai. Non abbiate paura di apprendere nuove informazioni. A differenza della memoria di un hard disk, quella del cervello è virtualmente illimitata (almeno rispetto alla quantità di dati che si possono immagazzinare nell’arco della propria vita). Ecco un calcolo approssimativo di Paul Reber, professore di psicologia alla Northswestern University: “Il cervello umano consiste di circa un miliardo di neuroni, collegati da oltre un bilione [mille miliardi] di connessioni. Se ogni neurone potesse immagazzinare una singola memoria, si avrebbero effettivamente problemi di ‘spazio’. Ma ogni neurone si combina con gli altri in modo da conservare diverse informazioni contemporaneamente, aumentando esponenzialmente la capacità del cervello fino a 2,5 petabyte. Abbastanza da tenere in memoria tre milioni di ore di serie tv, cioè guardare la televisione per oltre 300 anni di seguito”. Non avete scusanti, insomma.

 

Intestino e cervello sono connessi. Lo sostiene uno studio pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati del Karolinska Institute e del Genome Institute of Singapore: la composizione flora batterica intestinale, secondo gli autori del lavoro, influenza il consumo di vitamina B6, collegata a sua volta a malattie autoimmuni come la sclerosi multipla e disturbi dello sviluppo come l’autismo. Gli scienziati hanno notato, inoltre, che i topi di laboratorio con popolazioni di flora batterica intestinale minori rispetto alla norma erano meno ansiosi rispetto al gruppo di controllo.

 

Destrorsi e mancini non sono speculari. Mentre i primi elaborano il linguaggio usando in maggior misura l’emisfero sinistro, negli ultimi non c’è una dominanza chiara di uno dei due emisferi cerebrali. Uno studio pubblicato su Brain, comunque, ha mostrato che la maggior parte dei meccanismi cerebrali, tra cui, per l’appunto, l’elaborazione del linguaggio, la creatività e l’intelligenza, non sono nettamente separate tra emisfero destro e sinistro. Quasi sempre, insomma, il cervello lavora bilateralmente.

 

Succhia-energia. Mantenere il cervello vitale e attivo è piuttosto dispendioso, dal punto di vista energetico. L’organo, che pesa più o meno il 2% di tutto il corpo, consuma il 15% e il 25% circa, rispettivamente, di ossigeno e glucosio in circolo nel sangue, secondo le stime dell’American College of Neuropsychopharmacology. Tre volte più dell’ossigeno usato dai muscoli, tanto per dare meglio l’idea di quanto sia vorace il cervello. Quasi la maggior parte dell’energia (87%, per la precisione) viene utilizzata per l’invio, la decodifica e la ricezione dei segnali elettrici; il resto viene speso per mantenere il potenziale a riposo delle membrane.

 

Non può sentire dolore. Già. Perché non contiene nessun recettore del dolore, i cosiddetti nocicettori, che invece sono ampiamente presenti in pelle, muscoli e articolazioni. È proprio grazie a questa caratteristica che i neurochirurghi possono operare il cervello senza causare dolore al paziente (in rari casi, addirittura mentre il paziente è sveglio). L’obiezione, a questo punto, viene spontanea: perché, allora, sentiamo mal di testa? È tutta colpa dei recettori che si trovano nelle membrane protettive del cervello, la dura madre e la pia madre. In alcuni casi, le sostanze chimiche rilasciate dai vasi sanguigni vicini alla pia madre e alla dura madre possono attivare i nocicettori lì presenti, provocando, per l’appunto, cefalee ed emicranie.

 

È potente. Dove, per potenza, non ci riferiamo a capacità mnemoniche o intellettive, ma alla grandezza fisica stricto sensu, quella che descrive l’energia utilizzata nell’unità di tempo. Il cervello umano, da sveglio, ne produce abbastanza da alimentare una lampadina a incandescenza da 30-35 Watt. Sarà per questo che è diventata il simbolo universale delle idee geniali?

 

(Fonte: Wired)

 

Giovanna Ghiglione Vittoria

Le 6 curiosità che oggi devi sapere assolutamente

Quale modo migliore per dare senso a questa giornata delle 6 curiosità che la redazione Campuswave seleziona appositamente per voi? Diciamolo, sfoggiare perle come queste aiuta sicuramente a rendervi più interessanti: abbandonate quindi i cliché sulla meteorologia…

 

Fido 2.0 – La Tesla, famosa azienda automobilistica specializzata in veicoli elettrici, ha inventato il primo computer per cani. Come si chiama? Ovviamente Dog-PC!

 

 

Più latte, meno plastica! – La galalite è un nuovo tipo di plastica ricavato dal latte: si tratta di un materiale inodore, insolubile, biodegradabile, antistatica e ininfiammabile. Cosa stiamo aspettando ad utilizzarla?

 

 

Uno per tutti, tutti per uno – Uno sciame di 20.000 api ha seguito un’automobile per due giorni solo perché l’ape regina era rimasta chiusa al suo interno. (Io avrei dato fuoco al tutto, comunque…)

 

 

Coffee, please  Se si beve un caffè prima di andare a dormire, il corpo si sveglierà in maniera naturale e sarà più attivo per il resto della giornata.

 

 

Avanti a tutta acqua! – Uno studio ha dimostrato che gli studenti che bevono acqua durante un esame, in media ottengono risultati del 5% migliori rispetto a quelli che non lo fanno.

 

 

Quant’è divertente… – Uno studio ha dimostrato che in media le persone divertenti e i comici sono più depressi rispetto agli altri.

 

 

 

 

Per oggi è tutto, alla prossima!

 

Giovanna Vittoria Ghiglione